Installatori e impianti: un binomio in costante evoluzione nell'era del 4.0

Confartigianato Impianti allo Smart Building 2019

Anche quest’anno Confartigianato partecipa alla edizione dello Smart Building. Quella che si svolge dal 13 al 15 novembre è la seconda edizione per Milano ma, è la sesta edizione se si considerano le precedenti a Bologna e a Bari.

La presenza di Confartigianato è motivata dall’esigenza di dare evidenza agli argomenti che sono importanti per gli antennisti-elettronici di Confartigianato ma anche a tutto il settore impianti considerata l’evoluzione tecnologica dei diversi settori che porta verso una sistematica integrazione favorita dalla interconnessione attraverso gli impianti di “comunicazione elettronica”.  

Pur mantenendo l’attenzione per gli “adeguati spazi installativi” che sono da sempre un argomento fondamentale per il settore delle comunicazioni elettroniche in quanto l’assenza o l’inadeguatezza degli spazi destinati ad ospitare gli impianti costituisce una limitazione alla realizzazione a regola d’arte  di tali impianti oltre che una limitazione significativa per gli interventi di manutenzione ed eventuale integrazione tecnologica, in questa edizione il direttivo ha deciso di puntare i riflettori sulla figura dell’installatore.

È stato individuato un titolo che richiama l’attenzione sulla complementarietà tra gli impianti e chi li installa: "Installatori e impianti un binomio in costante evoluzione nell’era del 4.0".

Partendo dalla considerazione che il settore dell’installazione tecnica è di fronte ad un cambiamento epocale, sia per l’introduzione di nuove tecnologie, sia per una oggettiva trasformazione della filiera della distribuzione, si arriva a “sospettare” che si stia mettendo in discussione il ruolo dell’installatore.

Come rappresentanti della categoria degli artigiani installatori abbiamo il dovere di tutelare la figura che è riconosciuta dal legislatore come “responsabile tecnico” cioè un installatore, con determinati requisiti tecnico-professionali, che inserito in una impresa permette di considerare quella impresa come “abilitata” alla realizzazione di specifiche tipologie di impianti riferibili ai requisiti riconosciuti al responsabile tecnico.

In una impresa artigiana, la figura di responsabile tecnico è tipicamente ricoperta dal titolare.

Il responsabile tecnico è una sorta di “professionista” ancorché non iscritto ad albi od ordini professionali, che ha più ruoli, infatti è:

  • progettista” in quanto redige l’elaborato tecnico che è una sorta di progetto semplificato da redigere quando l’impianto ha caratteristiche dimensionali rientranti nei limiti definiti nell’art. 5, comma 2, del D.M. 37/2008. Può redigere l’elaborato tecnico  -prescindendo dalle dimensioni-  quando si tratti di impianti “radiotelevisivi, le antenne e gli impianti elettronici in genere”  con l’eccezione per gli elettronici se coesistono con impianti elettrici aventi caratteristiche tali da rientrare nell’obbligo di progetto redatto da professionista iscritto all’albo.
  • installatore” in quanto è capace di eseguire  materialmente la posa dei componenti costituenti l’impianto nonché di realizzare il cablaggio comprese le relative regolazioni necessarie.
  • manutentore” in quanto, grazie alle conoscenze tecniche, è in grado di intervenire nella ricerca guasto con modalità idonee che consentano interventi “mirati” senza ricorrere a sostituzione di pezzi “alla rinfusa” senza una ricerca logica.

Non si può negare che i requisiti tecnico-professionali con il passare del tempo si “affievoliscono” poiché non si adeguano in modo “automatico”  all’evoluzione tecnologica solo per il fatto che sono stati riconosciuti da una legge ma, per  seguire l’evoluzione è indispensabile dedicare tempo  alla formazione e all’aggiornamento periodico.

Confartigianato è costantemente impegnata per creare opportunità di formazione e aggiornamento da offrire ai propri associati anche attraverso accordi con le aziende produttrici per offrire soluzioni formative gratuite quando possibile e per organizzare corsi a pagamento quando sia indispensabile una formazione tecnica su argomenti che siano “super partes” cioè non condizionati da  interessi della produzione.

Ci troverete tutti i giorni allo stand E29 del Padiglione 6 a Fiera Milano, Rho  13-15 novembre 2019

Sarà un’occasione per scambiare opinioni sulla nostra professione.

L’ingresso a Smart Building Expo è a pagamento ma agli associati Confartigianato, che ne faranno richiesta, sarà inviato un codice invito omaggio. 

 Il direttivo Confartigianato antennisti-elettronici

 

 

https://www.youtube.com/user/ConfartigianatoTube 

https://www.confartigianato.it/2019/10/impianti-confartigianato-protagonista-a-smart-building-expo-dal-13-al-15-novembre-a-milano/